Mente più attiva con spinaci & co.

20/05/2015

mente-piu-attiva-con-spinaci

Uno studio statunitense proverebbe gli effetti benefici degli ortaggi a foglia verde sulla funzionalità cerebrale.

Chi non vorrebbe invecchiare bene? Chi non desidererebbe mantenere la mente giovane e le proprie capacità cognitive sempre attive anche in tarda età? Come ci suggerisce la medicina anti-aging, per rallentare gli effetti dell’invecchiamento, un ruolo chiave lo gioca la nutrizione anche, quindi, quando si tratta, di prevenire il declino mentale.

Lo hanno dimostrato negli anni numerosi studi; uno dei più recenti, per esempio, evidenzierebbe un legame positivo tra il consumo di ortaggi a foglia verde (come gli spinaci e le diverse varietà di cavolo) e il mantenimento di buone performance mentali.

I ricercatori del Rush University Medical Center hanno valutato 954 soggetti di età avanzata all’interno del Memory and Aging Project. Gli studiosi statunitensi hanno rilevato che, nel corso della ricerca, le persone che erano solite mangiare una o due porzioni al giorno di ortaggi a foglia verde risultavano 11 anni “più giovani” dal punto di vista mentale rispetto agli altri partecipanti allo studio. Il rallentamento del declino cognitivo sarebbe da associarsi a vitamina K, luteina, folati e beta-carotene: sostanze contenute in buona quantità proprio negli ortaggi a foglia verde.

Altri alimenti ricchi di vitamina K sono, per esempio, i legumi e le carote dove troviamo anche il beta-carotene, mentre i folati sono ben presenti nelle uova.


Potrebbero interessarti anche