i i i

Privo di energia? Gestisci al meglio le tue forze

privo-di-energia-gestisci-al-meglio-le-tue-forze

Ormai non ci sono dubbi: lo stile di vita che adottiamo è strettamente legato con il rischio di sviluppare malattie. Sono 4 i fattori che incidono maggiormente su questo rischio e che possono essere modificati dalle nostre scelte:

  1. Alimentazione
  2. Fumo
  3. Alcol
  4. Sedentarietà

 

Anche se molti di noi continuano ad illudersi che ammalarsi sia solo questione di sfortuna, la verità è che nella maggior parte dei casi si tratta invece del risultato piuttosto matematico di una serie di errori ripetuti nel tempo che alterano l’espressione dei nostri geni attraverso i meccanismi della regolazione epigenetica.

Sì, certo esistono anche le eccezioni: persone che vivono in modo sano ma si ammalano comunque e altri che fumano per tutta la vita senza particolari conseguenze.

Questo però non dimostra nulla se non che il rischio non è controllabile al 100%. Sarebbe come illudersi che andare in macchina senza cintura o in moto senza casco ha senso perché ogni tanto qualcuno si salva comunque. Un ragionamento assurdo.

Sappiamo invece che correggere le nostre abitudini e il nostro stile di vita è fondamentale per vivere meglio e ammalarsi meno. Le ricerche indicano che uno stile di vita sano porta a numerosi vantaggi:

  1. Riduzione del rischio di sviluppare la maggior parte delle malattie tra cui infarto, ictus, tumori, diabete e malattie neurodegenerative
  2. Aumento della resistenza, della forza e dell’agilità
  3. Aumento dell’energia fisica e mentale
  4. Aumento del tono dell’umore e della fiducia in se stessi
  5. Aumento della capacità di recupero
  6. Aumento della durata di vita


Uno stile di vita sano è piuttosto semplice da adottare.

Il primo punto è quello di eliminare gli errori, il secondo è di introdurre le cose che ci fanno bene. Smettere di fumare, ridurre il consumo di alcolici, riprendere a fare movimento in modo regolare sono le primissime mosse necessarie per eliminare dalla nostra vita comportamenti che sono palesemente nocivi.

In ambito nutrizionale occorre ridurre al minimo il consumo di zuccheri, cereali raffinati, grassi malsani e identificare la quantità di calorie corrette da ingerire in base ai propri consumi.

Puntare su verdure, cereali integrali, frutta, proteine sane come il pesce e grassi genuini come l’olio extravergine d’oliva e la frutta a guscio significa garantirsi un apporto adeguato di macro e micronutrienti fondamentali per la nostra salute.

Una volta che abbiamo ripreso confidenza con il movimento fisico per esempio inserendo regolarmente la camminata veloce, potremmo avvicinarci progressivamente ad un vero e proprio allenamento cercando, con l’aiuto di un esperto, di capire quale sia la forma di esercizio più utile per la nostra condizione.

Va inoltre tenuto presente che uno stile di vita sano potenzia la nostra energia, ossia la capacità di condurre una vita produttiva, intensa, ricca di soddisfazioni e di entusiasmo, invece che trascinarsi passivamente dalla scrivania al divano.

Lo stile di vita sano permette di dotarsi di un’energia costante e di non avere cali improvvisi seguiti da momenti di agitazione per esempio quando esageriamo con il caffè per riprenderci dalla stanchezza.

Avere energia fisica e soprattutto mentale significa essere in controllo dei propri stati emotivi e della propria giornata, vivendola in modo più pieno e consapevole. 

Accorgersi di essere stanchi e privi di energia non è difficile: stanchezza fisica e mentale, mancanza di entusiasmo, sonnolenza, facilità a distrarsi, nervosismo, apatia, difficoltà ad affrontare la giornata sono segnali che l’energia è al minimo e che è necessario fare qualcosa per se stessi. 

Quando subentrano questi sintomi è corretto sempre prima di tutto rivolgersi al medico e fare delle analisi.

Se però non emergono particolari problematiche la mia esperienza mi porta a suggerire di iniziare sempre dal migliorare l’alimentazione.

In fondo il cibo è il nostro carburante e se facciamo il pieno con quello sbagliato rischiamo di peggiorare la situazione. 

Imparare a mangiare meglio può davvero contribuire enormemente a migliorare la tua salute e la tua vita in generale.

Purtroppo in campo nutrizionale esiste una grande confusione ed è difficile capire quali sono le scelte davvero corrette sul piano scientifico.

Per superare la confusione, uscire dallo stallo e iniziare a trasformare in meglio la tua alimentazione e quella della tua famiglia, ho creato un corso specifico, Nutrizione Potenziativa.

In questo corso, che ha già aiutato migliaia di persone, ti insegno come fare i cambiamenti fondamentali sul piano scientifico, cambiamenti che sono più semplici di quello che pensi.

Scopri il corso!



 

Lascia un commento