i i i

Ottimizzare l'azione degli integratori

ottimizzare-azione-integratori-alimentari_

Accade a volte che i pazienti assumano integratori e nutraceutici con scarsi risultati in termini sintomatologici e con riscontri non soddisfacenti agli esami del sangue. A volte questo può essere causato da bassi livelli di assorbimento del nutraceutico stesso che non arriva quindi a sortire il suo effetto nell'organismo: che fare in questi casi? Accade a volte che i pazienti assumano integratori e nutraceutici con scarsi risultati in termini sintomatologici e con riscontri non soddisfacenti agli esami del sangue. A volte questo può essere causato da bassi livelli di assorbimento del nutraceutico stesso che non arriva quindi a sortire il suo effetto nell'organismo. La vitamina D per esempio è liposolubile e si assorbe molto poco se non viene assunta con del cibo o ancora meglio con il pasto principale della giornata. Uno studio ha messo in evidenza come l'assunzione di vitamina D con il pasto principale ne aumenti i livelli ematici del 56.7% in 2-3 mesi rispetto ad un'assunzione a digiuno. Altri nutraceutici che vanno assunti con un pasto sostanzioso sono l'olio di pesce, il licopene, la luteina, la zeaxantina, la vitamina E, l'astaxantina.

Scopri come coordinare alimentazione e integratori  Potenzia ora la tua salute Voglio saperne di più  <https://www.filippo-ongaro.com/video-corso-nutrizione-potenziativa>

CONDIVIDI

Lascia un commento