i i i

Le blue zone, dove si vive più a lungo

le-blue-zone-dove-si-vive-piu-a-lungo

Ti piacerebbe vivere in un luogo che promuove la tua salute e che contribuisce a farti vivere più a lungo? Basta che tu ti trasferisca ad Okinawa, in Costa Rica o magari nella più vicina Ogliastra in Sardegna. Vengono chiamate zone blu e sono aree del mondo in cui si vive a lungo ma soprattutto bene.

Ecco quali sono:

Icaria, Grecia - è un'isola del mar Egeo a ovest di Samo e quindi non lontana dalla costa ionica di Izmir (Smirne, Turchia).

Ogliastra e Barbagia - l'Ogliastra è una regione storica della Sardegna orientale, sono interessati i comuni dell'entroterra e quelli costieri (come Baunei).

Nicoya (Costa Rica) - gli studi sugli abitanti di questa penisola affacciata sull'Oceano Pacifico, in America centrale, risalgono al 2007.

Okinawa (Giappone) - nel sud del Giappone, gli abitanti sono dediti principalmente alla pesca, ma la dieta pur povera è diversificata. Qui vivono le donne più longeve dell'intero pianeta.

Loma Linda (Californa, Stati Uniti d'America) - appartiene alle Blue Zones per le particolari condizioni di isolamento create dall'orientamento religioso dei suoi abitanti (Avventisti del Settimo giorno), che seguono una particolare dieta.

 

Ma cosa permette a questi luoghi di avere un effetto così profondo sulla biologia delle persone che ci vivono?

Sono i luoghi o la genetica di queste popolazioni a fare la differenza?

Secondo i ricercatori i risultati non avvengono per miracolo (ovviamente) e non è nemmeno la genetica il comune denominatore di queste zone (anche perché sono in parti lontane del mondo). L’effetto positivo su salute e longevità è il risultato di uno stile di vita particolarmente protettivo che le persone in quei luoghi adottano. 

L’epigenetica spiega come l’ambiente in cui viviamo ed in particolare le nostre abitudini possano modificare i livelli di attività dei geni e incidere in modo positivo o negativo sulla nostra salute. 

Senza dubbio lo stile di vita moderno adottato da tutti noi nei paesi occidentali non gioca a nostro favore e secondo alcuni studi è la causa principale delle malattie sempre comuni tra cui infarto, tumori, diabete, obesità e malattie neurodegenerative.

Nelle zone blu queste abitudini non esistono e le persone vivono un’esistenza più serena e a contatto con la natura e con i suoi ritmi. Lo stile di vita più sano e genuino nel tempo potenzia le capacità riparative del DNA e preserva la salute più a lungo.

Il segreto della longevità

Le caratteristiche dello stile di vita delle zone blu sono piuttosto chiare e possono essere riassunte in 10 punti chiave:

 

  1. Mangiare meno: in tutte le zone blu le persone tendono ad avere una dieta ipocalorica e ipernutriente, ossia con cibi non raffinati, scarsamente calorici ma ricchi di nutrienti.
  2. Più fibra e verdure: una parte importante della dieta ce l’hanno le fibre e le verdure che apportano nutrienti importanti, vitamine e antiossidanti.
  3. Fonti sane di proteine e grassi: i prodotti di origine animale sono allevati genuinamente o pescati in mare e sono ricchi di proteine nobili oltre che di grassi sani. 
  4. Meno stress: le popolazioni delle zone blu sono meno sotto stress sia nella vita personale che in quella professionale. Il contatto con la natura riduce ulteriormente l’effetto dello stress.
  5. Relazioni più genuine: i rapporti interpersonali sono più stabili e solidi e meno opportunistici. 
  6. Ruolo sociale: i ruoli non sono determinati dal successo o dalla produttività e rimangono anche con il passare del tempo. Gli anziani vengono percepiti come i saggi della tribù. 
  7. Valori, vita spirituale: nelle zone blu esistono valori forti e credenze spirituali che rendono la vita più dolce e piena di speranza. 
  8. Meditazione: in alcune zone (Okinawa in particolare) è forte la tradizione delle arti marziali e della meditazione che aiuta le persone a raggiungere maggior equilibrio e serenità.
  9. Più attività fisica: nelle zone blu la maggior parte delle persone usa il corpo quotidianamente per gli spostamenti e per i lavori agricoli. Non serve fare sport perché ci si muove a sufficienza nella vita quotidiana.
  10. Meno lavoro: generalmente le persone lavorano meno e soprattutto non sono coinvolti in processi che non controllano e non governano e quindi che appagano molto poco. 

Posto che è impossibile che tutti ci si trasferisca in queste zone, è possibile cercare di ricreare i fattori ambientali che determinano la longevità.

Certo magari verrà meno naturale e costerà all’inizio qualche sacrificio in più, ma non c’è nulla che ci impedisca di mangiare meno e meglio, fare esercizio ed iniziare  meditare.

Le opportunità le abbiamo, spesso ci manca la consapevolezza di quanto ci possa fare vivere meglio semplicemente prenderci un po’ più cura di noi stessi


Se senti di dover fare qualcosa in più per te stesso e per la tua salute, partecipa ora al mio corso Potenzia la tua salute.

È completamente gratuito ma ricchissimo di contenuti che possono aiutarti a cambiare le tue abitudini e il tuo stile di vita. 

SI, VOGLIO PROVARCI!



 

Lascia un commento