i i i

I benefici dello stare nella natura

i-benefici-dello-stare-nella-natura

In un mondo ormai quasi completamente civilizzato ci siamo disabituati a vedere la natura come il nostro ambiente naturale. Per l’uomo moderno piazze, autostrade e centri commerciali sono molto più “naturali” e abituali di foreste, laghi e montagne.

Eppure per milioni di anni i nostri antenati hanno vissuto in totale simbiosi con la natura soffrendo e gioendo di essa e con essa. Del resto non c’era altro e non c’erano alternative. Ma proprio questo lunghissimo e strettissimo contatto con il mondo naturale ha permesso l’evoluzione della nostra specie e ne ha plasmato le caratteristiche.

Anche se oggi ci siamo allontanati molto da quel tipo di vita, i benefici dello stare all’aria aperta rimangono davvero molti. Anzi, proprio perché viviamo prevalentemente al chiuso e nel grigio di città sovraffollate, oggi più che mai abbiamo bisogno di riscoprire la natura.

Negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso degli effetti terapeutici dell’immergersi in natura ed in particolare i cosiddetti “bagni della foresta” (shinrin-yoku in giapponese) e della possibilità di ridurre gli effetti negativi sulla salute dello stress tipico della vita moderna, chiamato a volte anche “tecno-stress”.

Ogni cosa della natura ha potenziali effetti positivi: la qualità dell’aria, i suoni, i colori, la calma e la distanza dalle fonti maggiori di stress e perfino l’esposizione alla luce solare che aumenta la produzione di vitamina D. Il tempo che passiamo immersi nella natura diventa un vero e proprio antidoto allo stress e un fattore determinante nel promuovere livelli più alti di salute e benessere

All'aria aperta e nella natura si possono fare molteplici attività: camminare, svolgere uno sport specifico, esplorare, scalare o semplicemente osservare. In questo senso la percezione di soggezione e stupore per la bellezza e maestosità della natura sembra avere effetti particolarmente importanti nell'abbassare i livelli di stress.

A frenare moltissime persone dall'approfittare della natura è la distanza da percorrere e la mancanza di tempo. Le aree urbane sempre più grandi e intasate rendono lento e complicato l’accesso ad aree di natura incontaminata e per questo sempre meno persone si immergono regolarmente nel verde. Per molti la natura non è nemmeno più un elemento tipico dei fine settimana che vengono invece passati nei centri commerciali, ormai aperti praticamente sempre.


Perché prendere un po' d'aria fa bene

Una regolare esposizione alla natura produce dei benefici importanti in termini di salute e benessere psicofisico:

  1. Potenziamento del  sistema immunitario (meno malattie) - essere esposti all'ambiente naturale rafforza il sistema immunitario, esponendolo a un ambiente nel quale la natura è al lavoro con i suoi cicli.

  2. Azione antidepressiva - i benefici sull'umore sono anche di medio e lungo periodo. Non c'è solo la gioia momentaneo di una passeggiata in campagna o un'escursione. Se l'attività viene ripetuta nel tempo ha effetti benefici su malattie come la depressione.

  3. Miglioramento della memoria - gli studi hanno confermato che chi vive più a contatto con la natura ha performance di memoria superiore a chi vive in città.

  4. Azione analgesica - uscire all'aria aperta ha effetti antidolorifici e anti-infiammatori. Le infiammazioni sono responsabili di molti disordini, che se non vengono adeguatamente curati, possono portare all'insorgenza di malattie molto gravi.

  5. Miglioramento della vista - alcune ricerche hanno dimostrato che l'attività all'aperto protegge i bambini dallo sviluppo della miopia.

  6. Riduzione della pressione arteriosa - l'ipertensione incontrollata può portare a gravi conseguenze per la nostra salute e trascorrere del tempo all'aria aperta, camminando, abbassa la pressione arteriosa.

  7. Miglioramento della concentrazione - l'aria aperta e stare a contatto con la natura migliora le performance del nostro cervello e quindi la capacità di concentrarci, anche grazie alla diminuzione dell'ansia. Bastano 20 minuti di camminata in un parco per schiarirsi le idee...

  8. Maggiore socializzazione e buon umore conseguente - è bello camminare da soli ed è certamente salutare, ma fare escursioni, andare per i sentieri di montagna, visitare luoghi all'aria aperta ricchi di vegetazione fa bene all'umore, soprattutto se si è in compagnia. Più socializzazione corrisponde a più buon umore. Con risvolti positivi in ogni direzione.


La meditazione nella natura

Un aspetto particolarmente interessante dello stare in natura è legato alla meditazione. Meditare immersi in una foresta, nel silenzio interrotto solo dal rumore degli alberi o di un ruscello è un’esperienza favolosa che tutti dovrebbero provare. Esistono poi alcune tecniche che prevedono di meditare camminando e ovviamente questo in mezzo alla natura ha un effetto diverso dal camminare in città in mezzo al caos.

Imparare a meditare è meno complesso di quello che si pensa e la pratica della meditazione porta a benefici profondi su ogni area della nostra vita, dalla salute alla qualità delle relazioni.

Fatti accompagnare nell'apprendimento di questa pratica millenaria grazie al corso "impara a meditare".

Scopri il corso!

CONDIVIDI

Lascia un commento