i i i

I benefici della medicina preventiva

i-benefici-della-medicina-preventiva

Ti fa paura il cancro che può crescere in silenzio giorno dopo giorno nel tuo corpo?

E l’infarto che uccide improvvisamente e senza preavviso?

E cosa pensi dell’Alzheimer che azzera le tue memorie e annebbia la tua mente? O  preferisci il diabete che magari porta all’amputazione di un piede o di una gamba?

Non voglio provocarti o infastidirti ma credo che sia importante che le malattie vengano non solo discusse in teoria ma percepite a livello emotivo.

Ancora troppe persone pensano alla salute solo quando l’hanno persa.

Troppi hanno paura ma non usano questo timore per agire in modo intelligente, riducendo al minimo i rischi. 

La medicina moderna ha fatto oggettivamente passi da gigante nell’identificare cure sempre più efficaci per molte malattie.

Ma dove si annida invece il fallimento?

Nel contesto in cui la soluzione non può arrivare dalla medicina ma dai nostri comportamenti personali. 

Infatti quando parliamo di medicina preventiva mettiamo insieme due concetti che sono invece molto distanti:

 

  1. Diagnosi precoce: oggi abbiamo a disposizione molti strumenti sofisticati per anticipare la diagnosi e quindi diminuire la mortalità di molte malattie.

    Esami radiologici, test di laboratorio e perfino valutazioni genetiche sono esempi di analisi che possono essere fatte per “vedere” la malattia prima che diventi sintomatica e rendere le terapie più efficaci.

    La diagnosi precoce, per quanto sia di fondamentale importanza, non è in grado di fare prevenzione. Si anticipa la diagnosi ma non si riduce il rischio di sviluppare la malattia.

    Questo meccanismo funziona bene ma non è sufficiente. 
  2. Stili di vita preventivi: da decadi esistono dati scientifici che dimostrano chiaramente come la vera prevenzione dipenda dallo stile di vita che ognuno di noi adotta.

    Il cambiamento a questo livello è quello che permette una vera riduzione dell’incidenza di malattia ma non dipende dal medico, da una prescrizione o da una tecnologia ma da una scelta individuale fatta su base scientifica ma sostenuta da ragioni emotive del tutto personali.

 

Oggi sappiamo che i fattori genetici non sono determinanti nello sviluppo di malattie come il cancro, l’infarto, l’ictus, il diabete, l’ipertensione e l’Alzheimer e che contano molto di più lo stile di vita che la persona ha adottato nel tempo.

Fumare, mangiare male, essere sedentari, non saper gestire lo stress sono esempi di fattori che incidono in modo pesante sulla qualità delle vita e sul rischio di malattia. 


La buona notizia è che la maggior parte delle malattie che ci spaventano si possono prevenire adottando uno stile di vita sano
.


Certo, il rischio non si può ridurre a zero, ma sei sicuro che non vale la pena comunque di smettere di fumare, di mangiare un po’ meno e soprattutto molto meglio, di riscoprire il piacere di muovere il tuo corpo e magari di imparare a ridurre lo stress?

Tutto questo che per molti al primo momento appare come una lista di sacrifici inutili ed eccessivi, si trasforma in una serie di belle abitudini, di gesti fatti per amor proprio che per altro non escludono affatto percezione di piacere.

Il piacere infatti può venire da un’abbuffata smodata o da una sensazione di leggerezza data da un ottimo pasto sano.

Il piacere è dettato molto di più da gesti coerenti con i tuoi valori piuttosto che dal gesto in sé

Per questo ogni tipo di cambiamento è del tutto plausibile e fattibile in tempi rapidi se si cambia prima di tutto il valore che si attribuisce alle proprie scelte. 

Per cambiare in meglio non è mai troppo tardi. Ogni persona può trarre benefici se smette di fumare, inizia a fare attività fisica, migliora l’alimentazione e la capacità di gestire lo stress

Le conoscenze che la scienza ci mette a disposizione sono ormai moltissime. Ma si può partire da 3 semplici abitudini:

  1. Mangiare meno e meglio aumentando verdure, proteine e grassi sani e riducendo zuccheri e cereali raffinati. 
  2. Muoversi ogni giorno inserendo un’attività aerobica di durata e una di forza.
  3. Gestire meglio lo stress imparando a meditare.

Questi semplici gesti ripetuti nel tempo possono portare ad enormi vantaggi e possono diventare la base di un percorso finalizzato a potenziare la tua salute.

Con il mio corso gratuito dedicato specificamente al potenziamento della salute, conoscerai ogni aspetto riguardante la tua salute, la tua capacità di cambiare, raggiungere obiettivi e vivere una vita più sana e ricca di soddisfazioni.

Scopri il corso!



 

Lascia un commento