Diete Detox: Fanno quello che promettono?

Ciò da cui proviamo a tenerci a distanza con il digiuno o una dieta disintossicante estrema è esattamente ciò che ci serve per disintossicarci al meglio: il cibo.

Beveroni, centrifughe, digiuni. Sempre più spesso si sente parlare di diete disintossicanti ma ha davvero senso questa moda?

Si tratta di procedure a volte estreme come il digiuno protratto che, secondo i sostenitori, dovrebbero portare a miracolosi effetti di purificazione del corpo e dell’anima.

Alcune di queste pratiche sono francamente pericolose, altre semplicemente inutili e controproducenti. Ma cerchiamo di capire perché.

Nell’immaginario collettivo le tossine vengono dall’esterno e ci attaccano come dei nemici. La realtà è che il carico tossico a cui siamo esposti deriva in parte dall’esterno e in parte dal nostro stesso metabolismo che produce sostanze che vanno eliminate. Astenersi dal cibo quindi non riduce a zero la produzione di tossine.

Anzi. L’organo preposto a ripulire il nostro organismo, il fegato, è infatti vorace e per funzionare bene richiede un apporto continuativo di nutrienti. In particolare vitamine, antiossidanti e amminoacidi sono fondamentali per un corretto funzionamento del fegato.

In sostanza ciò da cui proviamo a tenerci a distanza con il digiuno o una dieta disintossicante estrema è esattamente ciò che ci serve per disintossicarci al meglio: il cibo.

PER APPROFONDIRE: La spesa della salute

Gli alimenti corretti non sono nostri nemici ma al contrario i primi alleati per eliminare le tossine dal nostro corpo.

Quindi il vero problema non è tanto se fare o meno una dieta “detox” ma come evitare quella alimentazione “pro-tox” che invece la maggior parte delle persone continua a praticare.

Insomma, non dovremmo concentrarci su strategie specifiche e momentanee per eliminare le tossine ma piuttosto su uno stile di vita e di nutrizione che minimizzi l’accumulo in generale e che favorisca la detossificazione in modo permanente.

Evitare il fumo, l’abuso di alcol, assumere cibi genuini tra cui molte verdure, frutta, pesce, cereali integrali e grassi sani è il modo migliore per garantire una solida funzionalità del fegato e quindi dei delicati meccanismi di neutralizzazione delle tossine.

Esiste una tendenza in molte persone a cadere nella trappola delle soluzioni che appaiono più semplici, magari lineari, ma non per questo reali e sensate sul piano scientifico.

Ecco allora il dilagare di diete dimagranti, allenamenti a fatica-zero, integratori miracolosi, programmi di detossificazione di ogni tipo e genere, cure alternative per ogni sorta di malattia, promosse in rete come panacee.

La realtà e i dati scientifici ci insegnano che invece la strada corretta da seguire per vivere bene è quella di ripartire dal nostro stile di vita, dalle nostre abitudini quotidiane, affidandoci, non tanto al guru di turno, quanto alla conoscenza di noi stessi, dei nostri errori e dei nostri limiti. É da questo che dobbiamo iniziare. E se ci sono sintomi seri e malattie, rivolgiamoci al medico.

Come hai potuto imparare da questo articolo, è estremamente importante saper affrontare la nutrizione in modo scientifico per assicurarsi di raggiungere veramente l'obiettivo in modo sano.

"Nutrizione potenziativa" è il corso scientifico che ti permette di apprendere tutte queste nozioni e creare il tuo piano alimentare in modo veramente sano.

Scopri il corso!

Filippo Ongaro

AUTORE

Filippo Ongaro

Medico degli astronauti dal 2000 al 2008, autore di 11 libri (Bestseller), ideatore del Metodo Ongaro® per l'alta prestazione e la crescita personale.

Lascia un tuo commento