i i i

Come ottenere ciò che desideri

rinuncia-superfluo-per-ottenere-cio-che-vuoi

Oggi voglio parlarti di cosa serve (o piuttosto cosa non serve) per ottenere ciò che realmente vuoi. 

La società di oggi infatti ci ha abituati a volere di tutto, allontanandoci da ciò che è realmente importante per noi.

Siamo sommersi da cose superflue e questo spesso ci rende meno efficaci nel raggiungere i nostri obiettivi, nell’arrivare alla condizione di vita che veramente desideriamo. Questo vale per molte aree della nostra vita compresa la gestione della salute.

La società moderna ci ha reso bulimici : vogliamo tutto, vogliamo troppo, vogliamo tutto e il contrario di tutto. Ci piacerebbe essere in super forma, super sani ma andare a tutte le feste e gli aperitivi a cui ci invitano.

Ci piacerebbe prevenire le malattie con l’alimentazione ma senza perdere un briciolo di gusto. Ci piacerebbe ottenere grandi effetti dall'attività fisica, ma senza sudare o senza far fatica. Ci piacerebbe avere un sacco di soldi ma siamo veramente disposti a raggiungere quella dedizione nel lavoro che serve per costruire una carriera che produce anche grandi ritorni economici?

Insomma siamo un po' confusi e i media hanno contribuito a confonderci le idee perché non siamo in grado di comprendere cosa sta dietro al successo delle persone.

A volte ci sta dietro poco e queste grande fortune si disperdono rapidamente davanti alle insicurezze delle persone che le hanno ottenute. Altre volte invece c'è dietro un grande lavoro, che si fonda su solide abitudini, dedizione, amore per il lavoro svolto.

Qual è il segreto per il successo?

Le persone di successo, ossia quelle che raggiungono gli obiettivi che si prefiggono, condividono numerose caratteristiche: lavorano più degli altri, sono strategici nelle loro scelte e selezionano attentamente su cosa impegnarsi, colmano i vuoti di competenze formandosi, non perdono energie nel confrontarsi con gli altri, hanno chiare le ragioni per cui stanno facendo quello che fanno.

Insomma le persone di successo sanno gestire il loro percorso di vita in modo da conquistare le cose a cui tengono veramente che, per altro, non è assolutamente detto, che siano le cose che la società descrive come interessanti, importanti, necessarie.

PARTECIPA ALL'EVENTO DAL VIVO!

Magari la conquista per qualcuno è riuscire finalmente ad avere una microscopica baita in mezzo ai monti con le pecore le mucche che pascolano nel prato. Non è detto che tutti vogliamo la grande macchina, lo yacht e le vacanze nei posti più famosi. Quindi il primo passo è di capire chi siamo e cosa vogliamo veramente.

Detto questo è chiaro che volere tutto significa rischiare di non ottenere nulla. Chi ottiene il massimo ha imparato prima di tutto l'arte del dire di no e del selezionare al meglio le aree su cui impegnarsi al massimo. Questo rispetta i meccanismi di funzionamento della nostra mente: le risorse attenzionali sono infatti ridotte e noi non abbiamo la capacità di concentrarci su tanti obiettivi. Chi ha successo concentra le proprie risorse sul pochissime cose, quelle che contano davvero.

Esempi di questo si trovano nel mondo dell’alta prestazione. Astronauti, militari delle forze speciali, atleti d’élite sono abilissimi nel selezionare su cosa focalizzare la loro attenzione. Ogni compito viene affrontato come una vera e propria missione per cui il resto diventa rumore di fondo da eliminare. Questa modalità operativa è nettamente diversa dalla tendenza al multitasking tipica di oggi che porta non a sommare compiti ma a passare in modo caotico da uno all’altro.

Essere multitasking è un valore?

Non c'è la possibilità di dare il massimo su 10 cose diverse e credo che questo bluff del multitasking abbia rovinato veramente la nostra filosofia di vita perché crediamo davvero di essere capaci di fare 10 cose assieme. Sì le facciamo, ma le facciamo tutte male.

Ed ecco che questa ossessione con il presenzialismo, con l'essere dappertutto, col dire sempre di sì a tutti, con il sapere tutti tutto, con l'essere compiaciuti dai complimenti che tutti ti devono fare significa prestare così tanta attenzione a cosa gli altri pensano di te da perdere completamente di vista cosa tu pensi di te e cosa tu veramente vuoi ottenere.

L’approccio caotico del fare senza strategia porta spesso a risultati mediocri rispetto invece alle situazioni in cui siamo in grado di concentrarci al massimo su un compito.

La tendenza al troppo si manifesta in ogni area della nostra vita: tendenza al costante presenzialismo, all'essere dappertutto, al dire sempre di sì a tutti,  al cercare di sapere tutto di tutto, all'essere compiaciuti dai complimenti ricevuti dagli altri sono tutti fattori che distraggono dal portare a termine al meglio i compiti che ci siamo prefissati.

 Si può dire che questi meccanismi  sono i nemici numero uno dell’alta prestazione, che avviene invece per lo più nel silenzio, nella concentrazione, nella metodicità.

Dovremmo tutti sforzarci di non disperdere le forze in cose inutili, concentrare tutto in una direzione come un raggio laser e colpire in modo preciso quello che corrisponde con ciò che vogliamo ottenere. Chi riesce, impara l’arte del dire di no. Conosce esattamente quali fattori andare a toccare e quali fattori andare invece ad abbandonare.

L'alta prestazione non è quindi semplicemente legata a quante cose facciamo ma a quanto bene facciamo le cose che scegliamo di fare. Oggi subiamo le conseguenze di una mente sempre più in preda a mille distrazioni e dobbiamo quindi trovare modalità operative che siano maggiormente consone al funzionamento del nostro cervello.

Tutto parte dal dare vita a nuovi comportamenti che con il tempo diventano abitudini. L’alta prestazione è un insieme di abitudini efficaci ed efficienti che permettono un funzionamento ottimale di corpo e mente. Non è il risultato casuale della fortuna ma la conseguenza di un metodo che porta in particolare ad un adattamento del cervello che avviene in modo del tutto simile a quello di un muscolo che risponde all’allenamento.

💪 Di questo, così come di altri temi, tratterà l'evento Soul Warriors 2019 che si terrà a Rimini, il 14 e 15 dicembre. Incontra Filippo dal vivo e scopri gli strumenti per dare ogni giorno il meglio di te.

Partecipa!

 



 

Lascia un commento