i i i

Quando un “grazie” può salvarti la vita

quando-grazie-puo-salvarti-la-vita

Una ricerca conferma gli effetti positivi di una terapia antica, gratuita e che può contribuire a farti stare meglio: la gratitudine.

Troppo spesso tendiamo a lamentarci di tutto ciò che ci circonda dimenticando quanto un atteggiamento positivo nei confronti della vita possa contribuire a cambiarla in meglio.

I più scettici potrebbero non credere alle tante persone che, a partire dalla propria esperienza, possono raccontarlo. Ma non possono di certo ignorare ciò che viene confermato anche dalla scienza.

I ricercatori dell’Università della California hanno studiato il legame tra una tendenza alla gratitudine e i benefici a livello di salute in persone con problemi cardiaci.

Lo studio ha coinvolto per tre mesi 186 uomini e donne a cui è stato diagnosticato un problema cardiaco. Il team è ricorso a test psicologici per avere un quadro sui livelli di gratitudine dei partecipanti. Hanno paragonato questi fattori con altri parametri: dalla qualità del sonno al livello di autostima, dalla presenza di sintomi depressivi ai marker infiammatori.

Dall’analisi di questa mole di dati è emersa un’associazione tra una maggior gratitudine e un umore più positivo, una miglior qualità del sonno, una maggior autostima e un minor livello di infiammazione. In più, gli studiosi hanno creato un sotto-gruppo dei partecipanti a cui è stato chiesto di tenere per tre settimane un diario in cui riportare, di settimana in settimana, “3 cose per cui esser grati”. In questi soggetti che, grazie al diario, hanno avuto la possibilità di esprimere meglio il loro senso di gratitudine, le analisi hanno mostrato una riduzione di biomarker infiammatori e vari benefici a livello cardiaco.

Certo che, quando si è travolti nel vortice dello stress e dei mille impegni quotidiani, è difficile trovare il momento giusto per essere consapevoli che abbiamo di che essere grati. Bisogna evitare di essere “troppo stanchi” tanto da non trovare nemmeno l’energia per dire un “grazie”. Non dobbiamo lasciare che la forza vitale ci abbandoni perché se la scintilla che ci anima scompare, pian piano se ne va anche la salute.

Se desideri ricevere maggiori informazioni su questi argomenti puoi farlo inserendo i dati qui sotto.

Presto verrai informato sul nuovo e avanzato percorso che il Dr. Ongaro sta preparando.

 



 

Lascia un commento