5 semplici cambiamenti per rimettere ordine alla tua giornata e alla tua vita

19/07/2017

5-semplici-cambiamenti-per-rimettere-ordine-alla-tua-giornata-e-alla-tua-vita

Si dice che ogni singola giornata non sia altro che la nostra esistenza in miniatura. Le virtù e i difetti che si manifestano nella quotidianità si spalmano lungo la nostra intera vita. Le irritazioni e le debolezze che non superiamo rimangono lì a inseguirci come dei fantasmi.

È un concetto banale eppure sembra sfuggire alla maggior parte di noi. O meglio, pur riconoscendone la fondatezza, non siamo in grado di trasformare, per questo motivo, la nostra vita quotidiana.

Rimandiamo, evitiamo, proviamo a scappare e cerchiamo consolazioni immediate e continue nel cibo, nel telefonino, nei videogiochi o magari anche nell'alcol, nel fumo o nella droga. Di tanto in tanto poi, mossi da qualche senso di colpa, proviamo a darci grandi obiettivi, ma ancora una volta ci sfugge che sono le minuscole esecuzioni di tutti i giorni a fare la vera differenza.

Evoluzione e non rivoluzione dovrebbe essere la parola chiave di ogni cambiamento.

Ma da dove partire? Esistono delle aree specifiche che funzionano da promotori di questo processo evolutivo?

Anni di esperienza nell'aiutare le persone a cambiare vita e a prendersi meglio cura di sé mi portano ad identificare per lo meno 5 passaggi chiave che si possono usare come leve per avviare un percorso di miglioramento personale:

1. Alzarsi prima al mattino

Ne parla da molti anni il mio amico Robin Sharma, uno dei più conosciuti formatori al mondo. Personalmente mi sveglio da anni molto presto e ho trovato in questa pratica molta forza e molto appagamento. Si può affrontare gradualmente anticipando la sveglia di una decina di minuti ogni settimana e parallelamente andando a letto un po' prima. La mattina presto è un ottimo momento per inserire la meditazione o l'allenamento fisico, si può scrivere o semplicemente pianificare meglio la giornata.

 

2. Allenare la fame

Saper convivere con un po' di fame non è solo un modo per mangiare un po' meno (visto che siamo iper-nutriti), ma anche per imparare a gestire in generale le pulsioni e i desideri. Dal controllo della fame possiamo imparare a controllare la rabbia, una sensazione che ci porta facilmente a perdere il controllo sulla nostra realtà quotidiana. Non occorre digiunare, basta semplicemente imparare a tollerare un po' lo stimolo e a non confondere altri fastidi con fame.

3. Non essere in ritardo

Il controllo del tuo tempo corrisponde ad una misura pratica della tua capacità di controllare la tua vita. Se sei sempre in ritardo, se sei sempre in affanno, la tua capacità di controllo è scarsa e probabilmente lo sarà anche la qualità della tua vita e il tuo senso di appagamento. Il primo passo per non essere in ritardo è allargare i tuoi tempi, eliminare le cose superflue, non concedere spazio a chi ti succhia minuti preziosi.

4. Pianifica le cose che apparentemente contano meno

Molto spesso pur volendo cambiare la dinamica della nostra vita, finiamo con lasciare la sua organizzazione immutata. Se non hai mai fatto esercizio fisico perché credi di non avere il tempo cosa ti fa pensare che ad un certo punto lo troverai se non decidi di eliminare qualcos'altro? Dobbiamo abituarci a pianificare con precisione le cose che fino ad ora non abbiamo pianificato proprio. Iniziamo a mettere in agenda gli allenamenti settimanali e a bloccare il tempo. Proviamo a inserire la meditazione giornaliera come fosse un appuntamento con qualcuno.

 

5. Scrivi invece di parlare

Tutto nella nostra vita oggi avviene troppo velocemente. Abbiamo bisogno di rallentare e perfezionare le nostre capacità riflessive. Sensazioni come la paura e la rabbia portano spesso a comportamenti che non sono ottimali e che rendono i rapporti con gli altri più difficili e meno appaganti. Prova allora a scrivere, a sfogare e rinchiudere in un diario queste sensazioni invece che scaricarle addosso agli altri.

Ogni singola giornata rappresenta un'occasione per dare il meglio di noi. Perché perdere questa opportunità? Perché rimandare e diventare dei teorici del miglioramento quando possiamo esserne invece degli esempi viventi?

Rimani forte, vivi a pieno!


Potrebbero interessarti anche