i i i

5 ore al giorno e 6 mesi per cambiare il proprio stile di vita

5-ore-al-giorno-e-6-mesi-per-cambiare-il-proprio-stile-di-vita

Usare al meglio il proprio tempo libero per non lasciarsi sopraffare dalle cose inutili della vita quotidiana.

Quante volte si ha la sensazione di non avere del tempo libero? Probabilmente, tutti i giorni. Eppure a ben pensarci abbiamo a disposizione ben 5 ore al giorno da poter usare a nostro piacimento.

Se nell’arco delle 24 ore togliamo le 7-8 dedicate al sonno, le 8 del lavoro, una media di 90 minuti al giorno persi negli spostamenti e circa 2 ore dedicate alla cucina e al consumo di cibo, ecco che ci rimangono 5 ore al giorno di tempo libero. Come usare questo tempo prezioso che la giornata ci offre? Perché sprecarlo in attività alienanti e poco costruttive, come guardare la televisione, quando invece può essere impiegato per migliorare il proprio stile di vita?

In quelle 5 ore, 90 minuti potrebbero essere dedicati all’attività fisica, il tempo restante è a nostra completa disposizione per stare con le persone care, ascoltare della buona musica, portare avanti il proprio hobby preferito e svolgere altri tipi di attività benefiche per la mente e il corpo. Piccole e semplici scelte compiute ogni giorno nel corso delle 5 ore quotidiane aiutano a portare avanti un vero e proprio programma di salute e miglioramento della qualità della vita. Quelle 5 ore possono davvero fruttare ed essere utili per costruire passo dopo passo il proprio benessere attraverso una strategia di più lungo termine che può essere strutturata per esempio nell'arco di 6 mesi.

Il primo mese potrebbe essere dedicato a un primo contatto con una corretta nutrizione informandosi e incominciando a diventare consapevoli delle proprietà dei diversi cibi. In questo modo sarà possibile individuare quegli alimenti inutili e dannosi per la propria salute.

Nel secondo mese, il nuovo regime alimentare entra nel vivo: un nuovo modo di considerare il cibo, secondo l’approccio della nutrigenomica, e di mangiare adottando lo schema del piatto unico nei pasti principali.

Il terzo mese è dedicato alla scoperta degli esercizi di rilassamento, come le micropause interiori. Si tratta di brevi momenti di uno o due minuti dedicati a se stessi in cui rilassarsi e poter pensare a qualcosa di positivo per recuperare le energie.

Durante il quarto mese si può introdurre con regolarità dell’attività fisica, con 2-3 allenamenti a settimana.

Nel corso del quinto mese, quando una corretta nutrizione e l’attività fisica sono ormai diventate la norma, è possibile incominciare ad assumere degli integratori alimentari e dei fitoterapici per innalzare il proprio livello di funzionalità e la propria capacità di recupero.

Infine, il sesto mese è un periodo di bilanci e di riflessione per comprendere gli effetti positivi dello stile di vita sano adottato nei mesi precedenti.

CONDIVIDI

Lascia un commento